Othello Grey e la moda come elemento per realizzare se stessi

Ciao Othello, raccontaci di te

Mi chiamo Othello Grey, sono un fotografo di Toronto.

Come sei entrato in contatto con il mondo della moda? Ne sei sempre stato appassionato?

La moda venne da me, come un’ispirazione, ed è stato il mezzo attraverso cui sono riuscito a comunicare me stesso. Durante la mia infanzia mi sono sempre sentito fuori posto – cercavo costantemente modi per trovare un conforto interno poiché non riuscivo a trovarlo verso l’esterno. Non sono cresciuto con nessun tipo di arte o background creativo, ma ho sempre avuto questa natura ossessiva di acquisire più conoscenza e aggiungerla al mio essere. La moda è diventata una di quelle cose – di proposito non voglio sapere * tutto * su qualsiasi argomento specifico perché voglio darmi spazio per essere ancora uno studente e naturalmente capire le cose più profondamente. Quindi non mi sono sempre appassionato, ho avuto uno scatto in cui ero così innamorato della moda e volevo esibirlo attraverso il modo in cui mi vestivo. Negli ultimi anni il mio stile personale è diventato più nullo e ho messo quell’energia nel mio lavoro.

Quali cambiamenti ha subito la moda di oggi rispetto al passato?

È interessante perché con l’introduzione di Internet come strumento, tutto è ovunque. Il mistero e l’effetto sorpresa hanno sofferto molto di questo. Se vuoi conoscere un designer, la storia di un marchio, community di stile, ecc. puoi cercare su Internet. Ora, il mistero non è sempre necessario, ma ho trovato personalmente gioia nel dover cercare le cose che mi piacevano senza che fossero così accessibili, ovviamente entro limiti ragionevoli.

Che cosa ti ricorda la parola “moda”? Non pensarci troppo, rispondi istintivamente

Essendo un fotografo, la parola moda è legata al mio mestiere, non riesco ad immaginare la moda come elemento slegato dalla fotografia. Quindi la parola moda stessa spinge naturalmente il mio cervello ad appoggiarsi ai punti di riferimento dei miei designer preferiti, di individui che spingono visivamente la narrazione attraverso la fotografia, coloro che con il proprio lavoro spingono la percezione di POC, crisi climatica e altri problemi che circondano il mondo. Penso a infinite possibilità, penso a una grande voce che può cambiare il modo in cui le persone operano, penso a un vasto spazio che ha il potenziale per guidare e interrompere anche dove è necessario.

Qual è il tuo approccio creativo quando pensi al mondo della moda adesso? cosa vuoi trasmettere?

Onestamente ho trascorso molto tempo senza alcun indizio su cosa volessi comunicare realmente. A questo punto della mia vita mi sono molto incuriosito per la creazione di un lavoro che sia quantomeno emotivo. Voglio (senza ovviamente dirlo) evidenziare il POC nel mio lavoro il più possibile e inserirli in scenari che iniziano a normalizzare la loro presenza. Siamo tutti condizionati a percepire gruppi di persone in certi modi, non tutti abbiamo la consapevolezza di renderci conto che le nostre idee di bellezza sono distorte e differenti. Spero di contribuire ad alterare queste percezioni e creare nuovi punti di riferimento su cui le persone possano appoggiarsi. Il mio approccio creativo in particolare inizia sempre con un’idea: uno dei miei editoriali più recenti mi è comparso in sogno. Ho visto le giacche accatastate e stratificate l’una sull’altra, il titolo e la storia intorno a me fluttuavano nella mia mente. Quando mi sono svegliato, ho perfezionato tutto e l’ho portato alla luce.

Come pensi che la moda sia in grado di rappresentare diversi periodi storici? Qual’è il rapporto tra moda e uomo?

Mi incuriosiscono molto le persone che non si interessano di moda. La persona di tutti i giorni che non ha interesse, che non pensa mai all’abbigliamento come un modo per rivedere il lignaggio. Cerco di mantenere un equilibrio come estraneo in modo da poter mantenere una prospettiva pura, trovo che quando ti trovi troppo affascinato da qualsiasi idea singolare perdi la capacità di vederla oggettivamente. La moda ha fatto miracoli per le generazioni creative, i narratori di storie, mettendo in mostra volti nuovi e modi di operare a persone che altrimenti non avrebbero potuto avere una voce, ma ha anche influenzato il pianeta in modo così eclatante che sono sempre scettico di “amare” troppo moda.

Le cose migliori di solito vengono create quando le persone seguono la loro visione piuttosto che perseguire il successo o i soldi. Cosa ne pensi?

Questa è la migliore modalità operativa. La struttura capitalista in cui siamo nati e a cui naturalmente aderiamo ha provocato il caos sugli ideali degli innovatori. Il denaro ti dà accesso, il denaro ti dà opzioni, il denaro ti dà un alto livello di libertà ma può anche metterti in una posizione in cui le tue motivazioni risultano distorte. Spero che un giorno potremo operare tutti da un luogo che non richiede guadagni monetari

Ci sono problemi nella moda di oggi? Le persone indossano cose scomode solo perché sono cool?

È soggettivo per me, cerco di non essere eccessivamente critico nei confronti di nessuno o di niente. Sicuramente vedo come il desiderio di essere incluso abbia fatto sì che le persone indossassero oggetti e marchi che sembrano fuori posto ma chissà quale punto della loro storia li ha spinti a desiderare quell’inclusione.  Ma generalmente l’esplorazione di sé attraverso la moda può includere momenti in cui si spingono i confini in modi che sembrano strani, complimenti a chiunque abbia compiuto questi passi in cerca di sé.