Moschino ci trascina nella corte di Maria Antonietta

Inevitabilmente Jeremy Scott ci ha stupiti ancora, il suo amore per lo spettacolo e gli effetti speciali hanno reso questa sfilata un vero e proprio salto nel passato.

Già l’invito era un’anticipazione zuccherina e rosata che ci avrebbe dovuto già far pensare ad uno show incredibilmente singolare.

Le prima uscite sono all’insegna delle citazioni dell’Ancien Régime: in primis la passerella, una sala degli specchi di Versailles sormontata di chandelier brillanti; seguono gli abiti, che richiamano quelli delle dame dell’epoca.

Gonne maxi, corsetti e fiocchi, ma anche jabot in pizzo, maniche con ruches e pantaloni tipicamente maschili rivisitati in denim. Chi ama quel periodo storico pre-Rivoluzione vede i suoi ricordi smossi. Personaggi ispirati ai cartoni animati compaiono su maglie e borse. Una baguette si trasforma in una clutch, il piumino per la cipria in una maxi bag pelosa e sulle decolleté compaiono decori che sembrano meringhe appena uscite da un sac à poche.