La sfilata ibrida di N°21 dove vengono aboliti i preconcetti di genere

La collezione FW 20-21 di N°21 propone una nuova visione dell’abbigliamento maschile. Come a ogni show lo stilista Alessandro Dell’Acqua riesce a stupirci portando in passerella la sua ricerca non convenzionale e unica. La sua ricerca è volta ad esplorare nuovi modi di vestire che si basano su principi di libertà ed ibridazione. Vengono aboliti i preconcetti di cenere per celebrare una nuova tipologia di identità. Superare questi preconcetti significa anche immaginare una nuova figura e forma maschile che ingloba sensualità e charme. Si tratta di una ricerca che vuole andare contro l’omologazione e che esamina nuovi percorsi possibili ed inconsueti.

La sensualità sopra citata la troviamo in primo luogo con i maglioni. Alessandro Dell’Acqua prova a rendere sexy i maglioni invernali. Crea maglioni con stampe e fantasie animali, che da sempre sono simbolo di sensualità aggressiva oppure crea maglioni in lana per creare un inaspettato nude look. Vediamo infatti sfilare modelli che indossano maglioni completamente coprenti davanti e inesistenti dietro.

Questo gioco di nudo e sensualità lo vediamo anche attraverso le giacche e i trench color cammello, attraverso camicie che inglobano le cravatte e knitwear decostruiti. Il tutto portato esclusivamente con stivali con la suola alta.

Troviamo in questa sfilata di N°21 una borghesia tentata dal peccato.