LA PROTESTA DI MARNI

Nel giorno in cui migliaia di persone in tutto il mondo hanno protestato nell’ambito del Global Climate Strike, il direttore creativo di Marni, Francesco Risso, ha organizzato una “gioiosa protesta” contro l’eccessivo eccesso dell’industria della moda. L’impatto ambientale della moda era nella sua mente, ha detto, dopo un viaggio in Brasile sei mesi fa e il successivo incendio delle sue foreste pluviali.

Risso ha fatto un passo avanti e ha lavorato con l’artista visiva tedesca Judith Hopf per riciclare il set per il suo ultimo spettacolo di abbigliamento maschile. Il pubblico si è seduto su panche di cartone riproposte, con foglie di plastica riciclata simili a Matisse dipinte con vernice ecologica.

Anche gli abiti sono stati in gran parte riciclati, realizzati con pelli di deadstock, taffetas riciclati a taglio vivo e tessuti di cotone non trattati vibranti dipinti a mano con motivi fauvisti. Sagome voluminose sono state realizzate con costruzione lo-fi, abiti grembiule sono stati legati intorno alla vita e le stringhe sono state utilizzate per adattarsi e svasare le gonne in stile contadino. Un paio di lunghi e morbidi abiti all’uncinetto offrivano un tocco casalingo in abiti da sera. I nostalgici richiami alle forme couture della vecchia scuola erano compensati da una giocosa ingenuità e combinazioni di colori audaci, come il verde pappagallo e il cobalto, il fucsia e il mandarino.

Le sagome sono state progettate per liberare il movimento del corpo; i modelli indossavano infradito con messa a terra.