CREARE L’INVISIBILE: INTERVISTA A DANILO PAURA

Conosco Danilo Paura da un paio d’anni. L’amicizia comune con Jacopo Pozzati ci ha spinto a dialogare sempre di più fino a quando non abbiamo iniziato a rimanere in contatto quasi ogni giorno, esplorando cultura, arte, idee e moda. L’esperienza di entrare nella famiglia Paura® è stata sorprendente e mi ha portato alla convinzione che ciò che conta davvero sull’estetica della Paura è ciò che supera il limite del tangibile.
Questo è il resoconto di una conversazione che abbiamo avuto durante l’evento di lancio di Paura X G-Shock in Corso Como 10.

Il tuo approccio alla moda è sempre stato non convenzionale. Qual è l’obiettivo che hai in mente quando crei una collezione?

Non sono attratto da cose troppo convenzionali, la moda nella mia vita è un modo per comunicare chi sono, cosa penso, quindi forse non ho un vero obiettivo in mente quando disegno. Il mio obiettivo è comunicare, riflettere, cercare di stupire.

La tua è un’estetica di strada che non perde mai la magia dei materiali e il gusto per la sartoria. Dopo il boom degli ultimi anni, come immagini la strada del presente e del futuro?

Ci sono sempre meno occasioni in cui il formalismo diventa un obbligo, immagino ancora meno in pochi anni. Sarà più insolito vedere un insegnante a scuola con un bel derby in pelle piuttosto che un ragazzo che si sposerà con Air Max, questo per dire che non riesco davvero a immaginare un mondo in cui le persone vanno in giro con meno di due abiti da strada sulle spalle . Ne parleremo sempre meno, e questa sarà la chiave per goderti un momento storico in cui non devi soffocare per essere cool, o soffrire, o vivere con un quarto delle abilità motorie e senza vesciche ai piedi.
I direttori creativi delle più grandi case di moda provengono dall’estrazione di strade. Vorrei solo tornare per dare il giusto prezzo alle cose, maggiore enfasi sulla qualità delle materie prime e della produzione rispetto al resto. Cerco di farlo a modo mio. Per me una cosa deve essere bella e ben fatta, tutto qui. Seguendo questo motto, mi sono ritrovato a realizzare abiti tra sartoria e street, comodi, da indossare tutti i giorni ma allo stesso tempo eleganti e soprattutto non formali.

Identità, cultura, arte. Questi sono termini che ricorrono spesso nelle tue interviste. Cosa significano queste parole per te?

Per molte persone, la moda non è una forma d’arte; per me lo è. Chi è dall’altra parte è spesso un artista, vive di sperimentazione, provocazione, voglia di parlare.
La cultura è informazione, curiosità, progresso e rispetto, non posso immaginare un mondo migliore senza questi valori.
Se vuoi essere qualcuno, sii te stesso. Avere il coraggio di testimoniare la propria identità è il modo migliore per affrontare le nostre paure.

Il tuo ruolo di designer, influencer e direttore creativo ha visto una forte crescita negli ultimi anni, soprattutto grazie alla rivoluzione digitale e ai social media. Molti credono che ciò ci abbia portato a una perdita di autenticità, anche nelle nostre relazioni interpersonali e nel modo in cui ognuno di noi crea un’immagine distorta di se stesso online. Come ti senti a riguardo? E quale è stata la tua esperienza con questo?

I social media, così come tutte le altre forme di diffusione delle notizie, l’informazione è uno strumento di comunicazione. Le formule del linguaggio sono cambiate; siamo passati da MS-DOS a TikTok alla velocità della luce; questo ha portato con sé un cambiamento che inevitabilmente spaventa. Se Gesù fosse vissuto oggi, probabilmente i dieci comandamenti sarebbero la sua biografia di Instagram.
Troppe cose sono cambiate, da sarti e stilisti a direttori creativi, tutto è cambiato. Oggi comunicare è economico e tutti possono farlo e avere un forte impatto sociale. Non è più sufficiente acquistare le copertine di Vogue, oggi lavori come una squadra, il direttore creativo parla con la sua squadra, che a sua volta comunica attraverso il suo linguaggio a quelli dell’altra parte.
Non penso che ci sia una perdita di autenticità; Penso solo che molti di noi non accettano il cambiamento; hanno paura della velocità con cui le cose cambiano. Dobbiamo prepararci per un mondo in cui non esiste il controllo totale. Sono spaventato solo dall’effetto punteggio a cui siamo esposti quotidianamente, dalle aspettative che crea e dalle conseguenze che possono derivare se continuiamo a valutare tutto sulla base di una singola unità di misura.

Negli ultimi anni molti marchi sono venuti a cercarti per collaborare, da Diadora a Kappa, per arrivare alla recente collaborazione con G-Shock. Qual è il tuo approccio creativo quando pensi a una collaborazione?

Alla base c’è il desiderio di mettersi alla prova, di interrogarsi. Collaborare significa condividere, mettere la propria visione a favore di un progetto con il desiderio di trovare un punto d’incontro in cui un marchio non domini mai l’altro. Ti prendi per mano. Ogni collaborazione mi ha lasciato qualcosa di diverso dall’altro; ogni sfida è unica. L’ultima esperienza con Casio è un simbolo del concetto di squadra, in cui esiste un forte legame tra creatività, comunicazione e immagine visiva. Devi avere una visione d’insieme; devi essere disposto ad imparare e ad ascoltare.

Il tuo viaggio nella moda è iniziato con la vendita al dettaglio e l’attività del buyer. Quanto è cambiato oggi il lavoro del buyer e quali pensi siano le sfide che devono affrontare i rivenditori di moda e in particolare il multimarca indipendente?

La mia carriera è stata vera. Ho visto questo cambiamento del mondo, a partire dal momento in cui il sistema ha iniziato a evolversi. L’acquirente del mio tempo era vicino alla figura del simpatico cacciatore, con i social media oggi, è quasi ridicolo parlare di ricerca. I negozi non sono più negozi, ma aziende la cui leadership non poteva essere che gestori. Penso che ci sarà una selezione naturale, molti più negozi di bandiera e sempre più importanti saranno quelle aziende che hanno sfruttato meglio i nuovi strumenti disponibili per far crescere il loro business. I negozi multimarca sono fondamentali per noi; senza di essi sarebbe quasi impossibile parlare di distribuzione, allineamento e immagine. La stessa analisi potrebbe essere fatta in altri settori; Sono fermamente convinto che oggi più che mai sia necessario allinearsi al sistema, conoscere perfettamente il proprio settore in un campo d’azione molto più ampio di prima. Diventerà sempre più difficile improvvisare.

Come immagini l’evoluzione del sistema moda da qui ai prossimi cinque anni?

Ci sarà più ordine, più pulizia, più professionalità. Richiede il controllo delle proprie idee, pianificazione e sviluppo. La moda rappresenterà sempre più il periodo storico di appartenenza e vedo un mondo tecnologicamente su misura.